UN PROGETTO APERTO ALLA VERIFICA

Cos’è un progetto di architettura aperto alla verifica?
È un progetto che attraverso la comunicazione, per un periodo medio o lungo, tende a raccontare, controllare e diffondere in modo virale dati e informazioni sul lavoro eseguito dalle maestranze. Verifica inoltre, indicando la durata attraverso il buon uso dei materiali forniti e installati, il funzionamento degli impianti e dei risparmi economici nei consumi dei servizi. 

Perché oggi si sente il bisogno di porre l’accento sul lavoro svolto nella riqualificazione negli ambienti del vivere? 
Da tempo in architettura ma soprattutto nel restauro, il saper fare e farlo bene soprattutto eseguito a regola d’arte con un prezzo adeguato alle possibilità dei proprietari degli immobili, sembra sparito dal mercato. Un cliente attraverso un progetto di restauro organico, deve tornare oggi a riappropriarsi del suo bene immobile con un valore aggiunto da presentare a modello.

Perché si ricerca un modello evoluto di restauro in un immobile di modeste dimensioni oltre che antico per regole del costruire?
La cura nel restauro degli immobili antichi è oggi una proprietà degli Studi di architettura che ne hanno fatto una filosofia professionale. Le soluzioni che vengono adottate per strutturare, sanificare, modernizzare luoghi che a prima vista non avrebbero in sé delle possibilità di “sopravvivenza”, hanno bisogno di tutta l’esperienza e la forza di un progetto evoluto e di materiali altrettanto innovativi. Tutto ciò indica alla fine dei modelli quasi unici ma replicabili e se aggiungiamo a questo l’armonia estetica che dovrebbe darci una soluzione del buon vivere ottenuto attraverso idee non scontate, è chiaro che certi progetti vanno seguiti, raccontati e tracciati nel corso del tempo.

Come può un immobile come “Casa-MRS” rientrare nelle nuove regole imposte per il risparmio energetico e per la sicurezza?
Il rispetto delle forme imposto per gli immobili storici inseriti in zone archeologiche con chiari vincoli paesaggistici, hanno ulteriori problemi dati dall’impossibilità del cambiamento della loro struttura originaria ormai acquisita a bene territoriale. La qualità dell’abitare arrivata oggi alla domotica e al digitale impone anche nuovi equilibri da ricercare con un buon progetto che deve non solo definirne in anticipo gli aspetti pratici, ma anche realizzarli concretamente.
Attraverso materiali performanti ed evoluti che ribaltano le logiche del vivere un’abitazione ridandoci luoghi gestiti né più né meno con quel che serve, “Casa-MRS” ha risolto: i classici problemi imposti dall’attuale legislazione in materia di risparmio energetico; la sicurezza e la salubrità della struttura esterna e degli ambienti interni; le performance sia estetiche che di qualità dell’arredamento. Tutto ciò permette oggi di far entrare nel futuro tipologie di case antiche come quella in questione.